closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

L’odiosa e sotterranea restaurazione antifemmina

Habemus Corpus. Negli ultimi mesi, più le donne denunciavano molestie e prevaricazioni passate e presenti, più andava crescendo da più fronti e nei loro confronti un attacco deliberato e reazionario

È cominciato come un senso di disagio, la percezione di qualcosa di sgradevole. Negli ultimi mesi, più le donne denunciavano molestie e prevaricazioni passate e presenti, più avvertivo che andava crescendo da più fronti e nei loro confronti un attacco deliberato e reazionario, benché spesso strisciante. Non è qualcosa mosso solo contro il movimento Metoo, ma avverso al corpo stesso della donna. L’evento recente e più eclatante è stata la sentenza dei giudici spagnoli che hanno derubricato ad abuso sessuale uno stupro di branco. Attenendosi alla legge spagnola secondo cui non c’è violenza se non c’è intimidazione, i giudici hanno...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi