closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

L’obbligo dell’alternanza scuola-lavoro in discussione

Il caso. Una circolare del ministero dell'Istruzione sull'alternanza scuola-lavoro ha prodotto una polemica con la Flc-Cgil, gli studenti della Rete della Conoscenza e della Rete degli Studenti. Il Miur smentisce il fatto che sarebbe la prova della mancata obbligatorietà del programma e che già da quest'anno vale per l'esame di maturità. In ogni caso il programma voluto dalla "Buona Scuola" di Renzi e del Pd lo sarà a partire dal prossimo anno scolastico. La discussione non è meramente tecnica, ma politica e riguarda la contraddizione di fondo di una corvée a cui sono obbligati un milione e mezzo di studenti all'anno

Il Ministero dell’Istruzione smentisce che una nota esplicativa sull'alternanza scuola lavoro abbia negato l'obbligatorietà di questo programma per 1 milione e mezzo di studenti nel suo primo triennio di vita. Il testo conferma che tale obbligo sussiste per accedere all'esame di maturità di quest'anno, quando gli studenti termineranno il primo triennio del programma. Dal prossimo anno scolastico l'obbligatorietà sarà per tutti e sarà vincolata all'accesso dell'esame. “La partecipazione all’Alternanza non è facoltativa - precisa il Miur - rientra, come ricordano anche le Linee guida inviate alle scuole dopo l’approvazione della legge 107, nel curricolo del triennio finale della scuola secondaria...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi