closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Lo tsunami del malaffare investe la Biennale Architettura

Biennale Architettura. Le vicende giudiziarie rovinano la festa d'apertura della Biennale Architettura, giunta alla quattordicesima edizione

Sole e pioggia si alternano in Laguna. Poi d’improvviso, lo tsunami. Che è politico, parla di malaffare e conduce ad un arresto di massa, sindaco Giorgio Orsoni compreso. Corruzione, maxitangenti: al centro c’è il Mose, un’opera che avrebbe dovuto salvare Venezia dall’acqua alta e che, invece, l’ha affondata. L’inchiesta covava da tempo, ma il suo exploit avviene durante i giorni del vernissage della Biennale di architettura 2014, quando in città si aggirano centinaia di professionisti della stampa di tutto il mondo, oltre che architetti, delegazioni delle ambasciate e vip vari. Il Mose ora è un mostro e quell’imputato urbanistico rappresenta...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.