closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Lo stress tossico ha ucciso l’infanzia dei bambini siriani

Siria. Rapporto di Save the Children: il 78% dei minori soffre di depressione. Situazione tragica tra i rifugiati: fuori dal paese ai traumi da guerra si aggiunge quello della migrazione forzata dal conflitto

Un bambino siriano venditore ambulante nella città di al-Bab

Un bambino siriano venditore ambulante nella città di al-Bab

«Ferite invisibili: l’impatto dei sei anni di guerra sulla salute dei bambini»: l’ultimo rapporto di Save the Children è impietoso. Attraverso 458 interviste a minori, genitori e operatori sociali, l’ong racconta una devastazione: la scomparsa dell’infanzia in Siria. Il 78% dei bambini dice di provare regolarmente dolore e tristezza e evidenzia gli effetti dello stress post traumatico, uno su quattro (2 milioni e mezzo) ha sviluppato disturbi seri: incubi, insonnia, pensieri suicidi, rabbia, depressione. Gli adulti denunciano, invece, l’incapacità di intervenire: metà degli intervistati dice di aver visto adolescenti usare droghe, il 59% di conoscere minori arruolati da gruppi armati....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.