closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Lo straniero non va a tempo

Dialoghi sull'uomo. C'è una dimensione ritmica negli esseri umani: «Rompere il ritmo. Condivisione e inclusione» è il titolo dell’incontro con l’antropologo Paolo Apolito in programma domenica 27 maggio (ore 16 – Sala Maggiore Palazzo Comunale) in occasione del festival di Pistoia

logo del festival Dialoghi sull'uomo

logo del festival Dialoghi sull'uomo

Quando nasce, il bambino ignora tutto dell’angolo di mondo dove è finito. E deve apprendere tutto, il più in fretta possibile. Possiede una formidabile risorsa in proposito, la mimesi. Che immediatamente mette in opera per entrare in relazione con la madre o chi si prende cura di lui. Relazione ritmica. Per la sopravvivenza del neonato, entrare in ritmo con la madre è altrettanto importante che prendere il latte che lo nutre. Il piccolo animale umano deve necessariamente apprendere i ritmi materni, e poi dell’ambiente in cui vive e vivrà, poiché solo in tal modo sarà riconosciuto come uno del «Noi»...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi