closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Lo stato francese entra nel capitale di Alstom

Mondializzazione. Il ministro dell'economia, Arnaud Montebourg, rinuncia all'accordo con Siemens e sceglie la "co-impresa" con l'americana general Electric per uno dei "fiori all'occhiello" restanti dell'industria francese. Il nucleare, sulla carta, resta sotto controllo. Rammarico del ministro: Bruxelles è il "principale ostacolo" alla creazione di "campioni europei nell'industria. Lunedi' la decisione finale della direzione di Alstom (che fin dall'inizio aveva favorito GE).

Colpo di scena nella battaglia di primavera della mondializzazione, che si svolge in Francia, per la conquista di uno degli ultimi fiori all’occhiello dell’industria francese: Alstom, attiva nel settore dei trasporti (produce il Tgv, tram, metro) e dell’energia (turbine a gas e idroelettriche, anche per l’energia nucleare, eolico). Lo stato francese entra nel capitale di Alstom al 20%, comprando i due terzi della partecipazione di Bouygues. Lo ha annunciato il ministro dell’economia, Arnaud Montebourg, ieri a fine pomeriggio. Il ministro ha fatto capire che la scelta dell’alleato sarà l’americana General Electric, come voleva fin dall’inizio la direzione di Alstom. Montebourg,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.