closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Lo stato di emergenza è finito ma in Turchia la normalità non torna

Turchia. Era una promessa di Erdogan, uscito ancora più rafforzato dai nuovi emendamenti alla legge «antiterrorismo»

Il presidente turco Erdogan

Il presidente turco Erdogan

Fine dello stato di emergenza in Turchia dopo due anni e sette rinnovi, da quel 21 luglio 2016 in cui venne dichiarato in seguito al tentato golpe del 15 luglio. Ma gli abusi commessi dalle autorità non troveranno rimedio, anche perché il governo introduce nuovi decreti che replicano le disposizioni speciali sino ad oggi in vigore. L’EMERGENZA FINISCE, ma la normalità non ritorna. Era stata una delle promesse elettorali di Erdogan: se verremo eletti, con questo nuovo sistema presidenziale da noi creato, fine dello stato di emergenza. Conviene chiedersi cosa sia cambiato dall’ultimo rinnovo, lo scorso 19 aprile, per poter...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.