closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Lo «squadrismo mediatico» di Casa Pound

Materiali. Un saggio antropologico su Casa Pound di Maddalena Gretel Cammelli (ombre corte)

Sono passati oltre tredici anni dall’occupazione di un palazzo demaniale situato a due passi da Piazza Vittorio a Roma che ha dato origine al fenomeno Casa Pound. L’avventura dei «fascisti del terzo millennio», cresciuti all’ombra della stagione berlusconiana come una sorta di avanguardia giovanile di quel senso comune identitario e xenofobo che si è andato diffondendo nel paese, si è arricchita di nuovi capitoli. Mentre il circuito del gruppo si è sedimentato - fino a produrre i risultati elettorali di Bolzano o il determinante sostegno, nel 2014, alla conquista di un seggio a Bruxelles da parte di Borghezio - Casa...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi