closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Lo spaccio dell’esistenza

Scaffale. «I dannati della metropoli» di Andrea Staid per la casa editrice Milieu. Un libro sulla microcriminalità dei migranti che si fonda su una tesi radicale: delinquono perché non riescono a vivere altrimenti

«Terraferma di Emanuele Crialese

«Terraferma di Emanuele Crialese

Di solito non rigurgitano di bibliofili, gli ambienti leghisti, neonazisti e razzisti di vario genere. Sicché possiamo sperare che nessuno dei loro accoliti s’imbatta nel libro di Andrea Staid , I dannati della metropoli. Etnografie dei migranti ai confini della legalità (edizioni Milieu, pref. di F. La Cecla, pp. 192, euro 13,90): non ne coglierebbero il senso e di sicuro lo userebbero a conferma del vecchio pregiudizio degli immigrati come delinquenti. Opposti sono, invece, ispirazione e intento di Staid, «storico e antropologo», com’egli stesso si definisce, già autore, oggi poco più che trentenne, de Gli Arditi del popolo. La prima...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi