closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Lo sguardo limpido di Haskell Wexler

Cinema. Addio al direttore della fotografia di «Qualcuno volò sul nido del cuculo», due volte Oscar, regista militante, amato dalla New Hollywood per le sue sperimentazioni.

Dagli scontri con la polizia alla convention democratica di Chicago, nel 1968, agli accampamenti losangelini di Occupy, nel 2011, passando per alcuni dei film più importanti della Hollywood anni sessanta/settanta, l’occhio di Haskell Wexler ci ha raccontato l’America unendo una carriera che ne ha fatto uno dei grandi direttori della fotografia dei nostri tempi a un percorso originalissimo di documentarista animato da una passione militante coltivata già da piccolo a Chicago, quando in famiglia si discuteva di diritti civili (i suoi genitori, benestanti, erano molto amici di Paul Robeson) e ci si auspicavano «rapporti meno tesi con l’Unione Sovietica e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.