closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Lo sberleffo all’ombra del Duomo

L'affabulatore. L’autore italiano più rappresentato al mondo. Dalle commedie folli e irresistibili a «Canzonissima» e La Comune e le esperienze nella città meneghina

Fo, Gaber, Jannacci, Celentano e Albanese nello show 24 mila.... del 2001

Fo, Gaber, Jannacci, Celentano e Albanese nello show 24 mila.... del 2001

La vita è strana. Prendete un giovanotto nato in provincia di Varese, fatelo studiare a Milano, Accademia di Brera, città dove si sposa, con Franca Rame, e dove larga parte della sua attività artistica ha origine, un’attività che lo porta a ottenere un Nobel per la letteratura e a essere l’autore italiano più rappresentato nel mondo. Bene, anche in occasione dell’ultimo saluto Dario ha dovuto essere ospitato in un teatro non suo perché Milano non ha mai saputo offrirgli questa possibilità. Eppure la storia di Dario e di Milano sono indissolubilmente intrecciate. Lo sberleffo era nel suo Dna e infatti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi