closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

L’Italia sul Ponte, sospesa sul passato che non passa

Teatro dell'opera. All'inaugurazione del nuovo ponte, l’Italia si mostra in tutta la sua presente ambivalenza, intreccio di positivo e negativo, volontà e velleità, bisogno di andar oltre e condanna a ripetersi.

Inaugurazione del Ponte San Giorgio

Inaugurazione del Ponte San Giorgio

Meglio l’arcobaleno che congiunge il ponte San Giorgio da un capo all’altro, delle frecce tricolori che lo tagliano trasversalmente. Meglio il semicerchio iridato che parla di pace, delle strisce di fumo rettilinee dei colori nazionali tracciate da macchine da guerra. A Genova la natura fa meglio degli uomini, sul piano del simbolico, nel giorno in cui, come più non si potrebbe, l’Italia si mostra in tutta la sua presente ambivalenza, intreccio di positivo e negativo, volontà e velleità, bisogno di andar oltre e condanna a ripetersi. Due Italie non separate tra loro in un prima e un dopo distinti e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi