closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

L’Italia sfida l’Europa: «Porti chiusi alle navi delle Ong straniere»

Fronte del porto. Gentiloni minaccia l’Unione europea sull’emergenza migranti. Ma Bruxelles frena: «Sbarchi regolati dal diritto internazionale»

Sbarco nel porto di Pozzallo,  nel 2016, di 433 migranti salvati dall’Ong Moas e dalla Croce Rossa a bordo della nave Topaz Responder

Sbarco nel porto di Pozzallo, nel 2016, di 433 migranti salvati dall’Ong Moas e dalla Croce Rossa a bordo della nave Topaz Responder

Porti italiani chiusi alle navi delle Ong straniere cariche di migranti. L’ipotesi è stata prospettata ieri al commissario Ue per l’Immigrazione Dimitri Avramopoulos dall’ambasciatore italiano a Bruxelles Maurizio Massari. Una decisione che il governo ha preso dopo che dal Viminale sono arrivati i dati relativi agli sbarchi - 70.380 migranti arrivati dal primo gennaio al 27 giugno, il 14,42% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno - ma che non può non risentire anche dell’esito della tornata elettorale di domenica che ha fortemente penalizzato il Pd. «La gente è esasperata», aveva detto martedì sera Matteo Renzi, lasciando intuire...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.