closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

L’Italia «operaia» soffre ma batte la Svezia

Euro 2016. Magia di Eder e gli azzurri accedono agli ottavi di finale. Gara con pochi sussulti, irriconoscibile Ibrahimovic

La gioia di Eder dopo il gol vittoria contro la Svezia

La gioia di Eder dopo il gol vittoria contro la Svezia

Tutti avrebbero sostituito Eder, ieri pomeriggio. Una voce ininterrotta, dai divani birra alla mano, dagli uffici sintonizzati via tv, pc, smartphones, dai lidi affollati per il caldo, almeno al Sud. E invece Antonio Conte ha avuto ancora ragione: l’oriundo dell’Inter, ex Samp, restava in campo senza annusare la porta per 85 minuti, poi su sponda di Zaza tirava dritto verso il portiere svedese, gol, vittoria e pass assicurato per gli ottavi di finale. Azzurri primi nel girone, ma vale quanto scritto due giorni fa: se la Nazionale edificata sulle leggi del contismo smette di essere se stessa, senza l’aggressività e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.