closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

L’Italia festeggia le manette francesi, Cartabia dice no a vendette

Giustizia. Il ministero di via Arenula invita ad aspettare le decisioni della magistratura francese sulle estradizioni ma avverte: in ogni caso non vedrete mai scene come quelle del video di Bonafede su Battisti

Marta Cartabia, ministra della giustizia

Marta Cartabia, ministra della giustizia

L’unico rifugiato in Francia per il quale effettivamente stava per scattare la prescrizione della pena, che per il codice penale italiano arriva quando è decorso un tempo pari al doppio della condanna, non l’hanno preso. Per l’ex brigatista, ora in fuga, Maurizio Di Marzio, la data limite sarebbe quella del 10 maggio. Prescritta sarebbe anche la pena alla quale è stato condannato Luigi Bergamin, ex Pac, se non fosse stato dichiarato il mese scorso «delinquente abituale» (malgrado il suo ultimo delitto risalga a 40 anni fa) dalla giudice di sorveglianza. Anche lui è adesso in fuga, il suo difensore a...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi