closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Lista unitaria a sinistra, lontana dal Pd

Dopo il 4 marzo. Non ci si può rassegnare a ripetere in peggio il flop del 4 marzo. Il rischio di non avere nemmeno la più piccola rappresentanza parlamentare è evidente

Italia, dalla mostra Terre-motus

Italia, dalla mostra Terre-motus

Dopo tre giri di infruttuose consultazioni, sono bastati otto minuti al Capo dello stato per recitare, con garbata fermezza, il suo rien ne va plus. Il governo di transizione, ovvero del Presidente, ha subito incontrato il deciso rifiuto delle forze politiche maggiori. Sì, la sola idea di un governo di transizione, rinominato infelicemente «neutrale», con annesso invito ai partiti di consentirne la nascita e la durata fino alla chiusura dell’anno in corso, ha subito incontrato il deciso rifiuto delle forze politiche maggiori che si contendono il primato della virtuale vittoria del 4 marzo. L’UNICO ad avere detto sì è il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi