closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

L’isola delle «sirene» nel mondo incantato della solidarietà femminile

Rotterdam 50. «Mayday», il film d'esordio di Karen Cinorre in concorso al Festival

Nel Paese delle meraviglie di Ana (Grace Van Patten) non ci sono bianconigli né cappellai ma un’isola rigogliosa e incontaminata, a eccezione dei detriti di una guerra che sembra non poter avere mai fine. Come la Dorothy del Mago di Oz è una tempesta a trasportare Ana nel mondo «altro» in cui è ambientato il film d’esordio di Karen Cinorre, Mayday, presentato in concorso a Rotterdam dopo il debutto al Sundance Film Festival. Avvilita nella sua tenuta da cameriera azzurro spento al catering di un matrimonio, aggredita anche fisicamente dal suo capo e incapace di difendersi, Ana passa oltre la...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi