closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’Isis usato per frammentare Siria e Iraq

Medio Oriente. Lo Stato Islamico ha infiammato divisioni etniche e religiose assenti prima della guerra civile e dell'occupazione Usa: a Damasco divide invece di cementare governo e opposizioni, a Baghdad accende innumerevoli scontri settari

Che lo Stato Islamico sia strumento di frammentazione è palese: Siria e Iraq, scossi chi da una guerra civile, chi da un’occupazione di 8 anni che ha sfaldato le istituzioni, sono state prede facili. L’effetto è dirompente: un’innaturale divisione settaria, nuova nella storia di Damasco e Baghdad. Eppure spesso i media giocano a ingigantire quelle che definiscono ataviche frizioni tra le componenti etniche e religiose dei due paesi. Più corretto dire che tali “frizioni” sono state sfruttate a dovere dagli attori interessati alla disgregazione di realtà nemiche. Partiamo dall’Iraq. Ufficiosamente il paese è già diviso, i conflitti interni si moltiplicano:...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.