closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’Isis trasforma Palmira in un campo minato

Siria. Il califfo tenta così di frenare la controffensiva di Damasco, umiliata dalla perdita dell'antica città. Oppure punta alla distruzione del sito simbolo della multietnica storia del mondo arabo

L'antica città siriana di Palmira

L'antica città siriana di Palmira

Da patrimonio Unesco a campo minato: così lo Stato Islamico trasforma il volto di Palmira, antica città romana al centro della Siria, occupata il 21 maggio. A riferirlo è il capo del dipartimento per le Antichità del governo di Damasco, Mamoun Abdulkarim: «Abbiamo ricevuto informazioni dai residenti: [i miliziani] hanno minato il sito del tempio. Faccio appello a tribù e religiosi, impedite che accada quanto accaduto in Iraq». Resta da capire la ragione dietro la mossa del califfato. Dopo la presa di Palmira e Tadmur, la città nuova sorta ai margini del sito, il mondo ha gridato al pericolo: si...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.