closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’Isis perde Palmira, ucciso dagli Usa al-Afri, numero 2 di al-Baghdadi

Siria. L’esercito di Assad avanza. Raid dell’aviazione russa. Dai jihadisti una controffensiva nella città patrimonio Unesco. Il Pentagono: «Abbiamo colpito il 'ministro delle Finanze' del Califfo»

Soldati a Palmira

Soldati a Palmira

L’esercito di Damasco coadiuvato dall’aviazione russa e gli Stati uniti hanno inferto stavolta due gravi perdite al sedicente stato islamico. I militari di Assad sembrano avere ormai in mano l’antica città di Palmira. E forse per controbattere in concorrenza il successo governativo ottenuto con l’ausilio dell’aviazione russa, solo ieri Washington ha annunciato l’uccisione di quello che è considerato il numero due dell’Isis. Morte che sarebbe avvenuta durante un’incursione aerea statunitense lo scorso febbraio. Per quanto riguarda le notizie giunte dal campo di battaglia, stando a quanto appreso nel tardo pomeriggio di ieri, le forze dell’esercito di Damasco avrebbero definitivamente liberato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.