closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’Isis lancia la guerra dell’acqua contro l’Iraq

Iraq/Siria. Chiusa la diga di Ramadi, scambio di accuse tra Washington e Baghdad. In Siria lo Stato Islamico avanza verso Aleppo. Oltre 7mila iracheni e iraniani a difesa della capitale Damasco

La battaglia per Ramadi

La battaglia per Ramadi

Lo scaricabarile tra Washington e Baghdad arriva a Parigi. Dopo la caduta di Ramadi, il 17 maggio, il segretario alla Difesa Carter ne ha attribuito la responsabilità alle truppe irachene. Scappate senza combattere. Il premier al-Abadi ha risposto martedì: «Questo è un fallimento del mondo. Si parla tanto di sostegno all’Iraq, ma sul terreno si fa poco», ha detto dopo il meeting di ministri degli Esteri dei paesi membri della coalizione anti-Isis. Non è la prima volta che Baghdad striglia l’alleato, criticando una strategia che si limita a raid aerei, addestramento dei soldati e invio di armi che sostituiscano quelle...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.