closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’Isis (come i sauditi) contro gli Houthi: 28 morti

Yemen. Altro attacco dello Stato Islamico contro il movimento ribelle a Sana'a. Ban Ki-moon chiede un'inchiesta sul raid di Riyadh contro un compound dell'Onu

Un'autobomba esplosa in Yemen

Un'autobomba esplosa in Yemen

Un altro attacco dello Stato Islamico scuote la capitale dello Yemen, Sana’a. Nella notte tra lunedì e martedì un’autobomba è esplosa dietro l’ospedale militare, durante la commemorazione funebre di un parente di due leader del movimento ribelle Houthi, Faycal e Hamid Jayache. Ventotto morti, tra cui otto donne. Un’esplosione terribile che ha sventrato la strada dove si teneva la commemorazione e subito rivendicata online dall’Isis. L’intensificarsi delle attività di gruppi che si richiamano al califfato generano preoccupazione: seppur non sia ancora possibile stabilire se si tratti di gruppi simpatizzanti o gestiti direttamente dal califfo, è chiaro che chi compie tali...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi