closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’Iraq rischia di scomparire

Medio Oriente. Cristiani, yazidi, sciiti, sunniti: i tanti pezzi del mosaico iracheno non vogliono più vivere insieme. Ma la diplomazia pensa ad altro: il Consiglio di Sicurezza approva una risoluzione anti-Isis senza definire modalità di intervento

Campo profughi yazidi

Campo profughi yazidi

Oggi è giorno di distribuzione di aiuti nel campo profughi di Ahsti di Erbil: le famiglie cristiane e yazidi si mettono in fila per ricevere riso, olio, salsa di pomodoro, latte, ceci. Ad ognuna uno scatolone. Il campo, diviso in due parti, è casa per 6mila persone: i cristiani vengono dalla città irachena di Qaraqosh, gli yazidi da Sinjar e dai villaggi vicini. Vivono in container, con un gas fuori per cucinare e bagni in comune. Rispetto ai campi per siriani ad Erbil e all’estrema povertà degli sfollati iracheni a Kirkuk, Ashti è un fiore all’occhiello: la Chiesa ha fornito...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi