closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’ira di Pechino contro il fronte «democratico»

Dopo il G7. Molti restano però riluttanti alle azioni dirette contro l’influenza cinese. Ad esempio Draghi

Xi Jinping

Xi Jinping

Il presidente statunitense Joe Biden sa di aver incassato una vittoria importante dal suo tour diplomatico in Europa: affermare una consapevolezza condivisa sulle minacce poste dalla Cina. Già nella dichiarazione congiunta dei leader del G7, rilasciata al termine del summit la scorsa domenica, sono stati esplicitamente trattati gli argomenti che fanno adirare Pechino: il rispetto dei diritti umani e politici nella regione dello Xinjiang e nella città di Hong Kong, oltre all’osservazione della pace e stabilità nello stretto di Taiwan, per la prima volta menzionato esplicitamente in un documento finale del G7. Forse per cautela, però, nella sezione del documento...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.