closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Liquore adulterato a Mumbai, i morti sono già oltre 80

India. Dopo i primi giorni di panico tra la popolazione, le autorità dello Stato di Maharashtra hanno determinato che la bevanda alcolica a prezzi stracciati responsabile della strage è stata fabbricata usando quantità eccessive di metanolo.

Non solo scandalo alimentare legato ai noodles istantanei della Nestlé, perché da qualche giorno in India esiste anche un liquore adulterato che ha già ucciso almeno 80 persone. Ci sono stati alcune arresti, mentre in molti ospedali alcune vittime stanno venendo curate, sperando di salvarle dalla morte. Si tratta di un pericolo molto elevato, dato che il commercio illegale di liquori è molto diffuso in India, soprattutto perché è molto più economico dell’alcool prodotto commercialmente. A gennaio scorso, almeno 38 persone sono morte dopo aver consumato liquore fatto in casa nello stato settentrionale dell'Uttar Pradesh. Il bilancio delle vittime del...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.