closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

L’invasione aliena della fantascienza

Scaffale. «Viaggi nel tempo», una raccolta di racconti dei grandi maestri della science fiction, a cura di Fabrizio Farina, per Einaudi. Si va da Ray Bradbury a Arthur C. Clarke, passando per Philip K. Dick, Edgar Allan Poe, oltre che, naturalmente, H. G. Wells

Lo scrittore H. G. Wells

Lo scrittore H. G. Wells

Fin dalle sue origini la fantascienza è stata caratterizzata da una sorta di doppio binario. Da una parte viaggi nello spazio e incontri – o più spesso scontri – con civiltà aliene, dall’altra viaggi nel tempo. Basti pensare all’opera di quello che con Jules Verne è considerato il fondatore della moderna science fiction, ovvero H. G. Wells. Le sue opere fondamentali e universalmente conosciute, La guerra dei mondi e La macchina del tempo, trattano proprio rispettivamente di un’invasione aliena e di un viaggio nel futuro. Se, a partire almeno dallo sbarco sulla luna, l’umanità ha iniziato a percorrere lo spazio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi