closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

L’intuizione del Barbiere di Siviglia

A teatro. L’allestimento di Leo Muscato dell’opera di Rossini alla Scala, dirige l’orchestra Riccardo Chailly

«Il barbiere di Siviglia»

«Il barbiere di Siviglia»

Quando nel 1816 Gioachino Rossini manda in scena Il Barbiere di Siviglia, ancor più di quanto ha fatto Mozart esattamente trent’anni prima con Le nozze di Figaro, cerca di elaborare un «nuovo genere di spettacolo» lanciando la sua personale sfida alla tradizione dell’opera buffa italiana incarnata da Giovanni Paisiello, che nel 1782 ha messo in musica proprio Le barbier de Séville di Beaumarchais. Il fatto che, come e più che in Mozart, la rilettura della tradizione fatta da Rossini sia vitalistico-parodica, radicalizzando in «commedia» il «dramma giocoso» di Paisiello, ce lo ricorda nel libretto di Cesare Sterbini il personaggio di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.