closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

L’insostenibile trasparenza dei traduttori

Express. Il j'accuse di Jennifer Crowe, che ha trasportato i «Vagabondi» di Olga Tokarczuk dal polacco all'inglese e vinto con lei il Booker Prize. Ma avere i nome in copertina per chi lavora con le parole altrui è ancora un miraggio

Nel 2017 la statunitense Jennifer Crowe ha ricevuto uno dei principali premi letterari nel mondo, l’International Booker Prize, e tuttavia è decisamente improbabile che in Italia il suo nome suoni familiare anche ai lettori più avvertiti. Una disattenzione imperdonabile da parte delle nostre case editrici? Per la verità no, dato che il riconoscimento è valso a Crowe non per un libro concepito da lei, ma per la sua traduzione dal polacco all’inglese del romanzo Bieguni di Olga Tokarczuk, co-destinataria del premio, e l’anno successivo insignita anche del Nobel. (Il libro, intitolato in inglese Flights, è uscito in italiano per Bompiani...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.