closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

«L’Inps sbaglia: aumentano gli assunti. Aiuto Di Maio a fare una cosa di sinistra»

Intervista a Piergiovanni Alleva. La «manina» è in tutti gli uffici dei ministeri pieni di gente messa dal Pd e abituata a far da lacchè a Confindustria. Sono andati in bestia per una semplice norma di buon senso". "Ero per mettere la causale da subito ma Tridico ha trovato il compromesso sui 12 mesi sotto la spinta della Lega. Anche così è una norma che inverte la tendenza ridando diritti"

Piergiovanni Alleva, giuslavorista, professore e consigliere regionale in Emilia Romagna per l'Altra Europa

Piergiovanni Alleva, giuslavorista, professore e consigliere regionale in Emilia Romagna per l'Altra Europa

Professor Alleva, cominciamo con la teoria economica. L’Inps sostiene che accorciando da 36 a 24 mesi la lunghezza massima dei contratti a tempo determinato ci saranno 8mila contratti in meno l’anno. È d’accordo? È un classico esempio di discorso a pera. La stima dell’Inps sostiene che un dieci per cento di chi non verrà rinnovato non troverà un altro impiego. A parte che non si capisce perché non possano trovarlo, ma se la scadenza del contratto arriva prima, se il lavoratore serve all’impresa c’è una forte spinta a stabilizzarlo. Ridurre da 3 a 2 anni la durata massima serve proprio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.