closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
ExtraTerrestre

L’iniziazione selvatica nel parco delle colline

Verona. In un bosco della città scaligera ci sono un centro di accoglienza per rifugiati e una piccola scuola libertaria

Nel parco delle colline di Verona c’è un bosco disordinato e fitto, e lì vicino c’è una casa che ha un confine invisibile tra il muro dell’ultima stanza e gli alberi. La stanza è quasi vuota, essenziale, per favorire il passaggio dei contenuti splendenti e misteriosi. Una scrivania digrada verso la grande quercia. Dalla finestra è possibile vedere la terra umida coperta di foglie in autunno e di violette bianche in primavera e la vegetazione che d’estate non permette al sole nessuna invadenza. Si può stare al riparo, protetti. È il luogo inconsapevole di un’iniziazione selvatica. Il cielo è parziale,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi