closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

L’Inghilterra “ruba” dati e telefoni dei migranti che sbarcano

Gran Bretagna. Un'inchiesta giornalistica svela 7.167 casi di abuso contro i diritti dei migranti negli ultimi 18 mesi. I loro cellulari venivano sequestrati, aperti e controllati fino all'ultimo file dalla polizia. Fuori da qualsiasi norma e garanzia. Il governo ammette tutto ma ora prova a legittimarlo con una legge

Controlli anti-immigrazione a Dover

Controlli anti-immigrazione a Dover

L’hanno fatto, lo fanno. E continueranno a farlo, zigzagando fra le pieghe di una nuova legge. Che loro stessi hanno scritto. Più o meno resterà tutto uguale. E così non cambierà la condizione di chi tutto questo lo subisce: i migranti che provano ad attraversare la Manica. Dalla Francia. E una volta sul suolo inglese, a quelle persone, a quelle famiglie – che vengono dall’Africa, dalle zone di guerra del Medio Oriente, dall’Afghanistan – viene sequestrato il cellulare. Sequestrato ed ispezionato dal primo all’ultimo file. E in molti casi, non viene restituito: “Ci dispiace, è andato perso”. Distruggendo le “carte”...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.