closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rubriche

L’inflessibile austerità

Nuova finanza pubblica. Nel confronto europeo tra «flessibili e inflessibili» la richiesta di generici aggiustamenti rappresenta nel migliore dei casi una resa da negoziare nei termini migliori possibili per salvare la faccia in patria

Spagna, aprile 2013

Spagna, aprile 2013

La trattativa sulla cosiddetta «flessibilità di bilancio» all’interno dei paesi dell’Unione europea è presentata da gran parte della stampa e degli addetti ai lavori come una discussione fondamentale per i futuri assetti dell’Ue. Il confronto tra «flessibili ed inflessibili» viene visto come un passo in avanti cruciale per coniugare riforme strutturali e ripresa economica. Tuttavia, ci sembra di poter dire che l’orizzonte della flessibilità non rappresenta una svolta reale capace di mettere in crisi il complesso delle politiche di austerità per come esse si sono sviluppate a partire dal 2010. Al contrario, è probabile che il compromesso finale rafforzerà ulteriormente...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi