closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

L’industria culturale passata al setaccio

Saggi. «La cultura che conta», un volume per il Mulino

Quando, nel 1941, Paul F. Lazarsfeld interrompe l’attività di Theodor Adorno per ilPrinceton Radio Research Project si palesa, con assoluta evidenza, una sostanziale inconciliabilità tra la sociologia empirica americana e quella «ideologico-intellettuale», sviluppatasi all’interno della Scuola di Francoforte. Se lo studioso viennese, insieme ai suoi colleghi, si preoccupa di analizzare e quantificare i bisogni, gli interessi e la ricettività del pubblico radiofonico, Adorno, da par suo, propugna un’analisi critica, tesa a portare alla luce quel processo di reificazione culturale, messo in atto – nella società capitalistica statunitense – dalla radio. A determinare questa divergenza metodologica, d’altronde, vanno individuate due visioni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.