closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’individualismo americano alla prova Covid

Intervista a Ignazio Marino, dal 2016 tornato al suo lavoro di chirurgo e docente alla Thomas Jefferson University di Philadelphia, città roccaforte democratica. «Il repubblicano Lincoln riteneva che il Paese dovesse tenere "sempre in grande conto la parola della scienza". Ma un conto è crescere qui, altro in Texas o in Florida»

Washington, 6 gennaio 2021: un’adepta di QAnon tra gli assalitori di Capitol Hill

Washington, 6 gennaio 2021: un’adepta di QAnon tra gli assalitori di Capitol Hill

Sebbene Philadelphia sia una roccaforte del voto democratico, distante anni luce dalla politica golpista degli assaltatori di Capitol Hill, la posizione di Ignazio Marino, dal 2016 tornato alla sua vita di chirurgo e docente presso la Thomas Jefferson University dopo essere stato sindaco di Roma e prima ancora presidente della Commissione Sanità del Senato, offre una buona visuale sul rapporto che hanno gli americani con la scienza e la conoscenza. [caption id="attachment_480105" align="alignleft" width="256"] Ignazio Marino[/caption] Come le sembra che abbiano reagito gli americani al Covid? All’inizio della pandemia si sono osservati comportamenti molto differenti nei diversi Stati, a seconda...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi