closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

L’inchiesta «Basso profilo» si abbatte sull’Udc. Il segretario Cesa si dimette

Calabria. Operazione della Dia, arrestate 50 persone. Il leader centrista indagato per associazione a delinquere aggravata da metodo mafioso. Finisce ai domiciliari l’assessore regionale Talarico

Il segretario dell'Udc Lorenzo Cesa

Il segretario dell'Udc Lorenzo Cesa

Il 4 marzo 2018 l’assessore regionale al Bilancio, Franco Talarico (Udc), perde il seggio alla Camera per appena 990 voti, lo 0,85 %, un’inezia. È il collegio uninominale di Calabria 2, la circoscrizione reggina. Secondo la procura della Dda di Catanzaro, che lo ha posto ai domiciliari per scambio politico mafioso, optare per Reggio sarebbe stata una scelta ponderata per non destare sospetti. «Tenere un basso profilo, agire sotto traccia» erano, secondo gli inquirenti, le regole d’ingaggio di quel patto che sarebbe stato stretto tra il lametino Talarico, notabili dell’Unione di centro catanzarese ed esponenti di spicco della ‘ndrangheta crotonese....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi