closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’incarico va a Netanyahu ma il governo resta lontano

Israele. Il premier si sente sicuro di poter arrivare a formare una maggioranza di destra in tempi brevi ma lo stallo politico non è superato e le quinte elezioni in poco più di due anni sono una realtà concreta

Benyamin Netanyahu

Benyamin Netanyahu

Nessuna sorpresa. Sarà il premier di destra Benyamin Netanyahu, vittorioso con il suo partito, il Likud, alle elezioni del 23 marzo, a tentare di formare una maggioranza di governo. Ieri il presidente Reuven Rivlin gli ha affidato l’incarico. Nei giorni scorsi il capo dello stato aveva ipotizzato soluzioni alternative per aggirare lo stallo politico che l’ultimo voto, il quarto in due anni, non è riuscito a superare. Qualcuno aveva immaginato un incarico affidato a un altro esponente della destra, il nazionalista religioso Naftali Bennett. Ma Rivlin ha fatto la scelta più ovvia: Netanyahu, durante le consultazioni di lunedì, era stato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi