closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

L’improvvisazione della bellezza

Arte. La grande mostra di Man Ray a Villa Manin, vicino Udine. Trecento opere di irriverente lettura del mondo

Juliet in California 1944.

Juliet in California 1944.

La personalità di Man Ray è misteriosa e sfuggente esattamente quanto le sue fotografie (comprese le pitture e le sperimentazioni cinematografiche). Anche un identikit col passaporto alla mano risulta vaporoso. Ostico da inquadrare, come scrive acutamente Janus nel catalogo edito da Skira della grande mostra apertasi a Villa Manin di Passariano (visitabile fino all’11 gennaio), Man Ray non si riesce a ricordarlo come americano, tantomeno come parigino. Era ebreo senza professare la fede e surrealista solo se lo si lasciava in pace. Pure il suo nome risultava diverso all’anagrafe: Emmanuel Radnitzsky era nato a Filadelfia nel 1890 da una madre...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.