closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

L’immaginario sonoro di Randy Weston

Note sparse. Un doppio album «Sound» e un concerto domani a Roma per il novantaduenne pianista americano. Trentanove tracce - registrate soprattutto dal vivo - in cui suona fluido in completa solitudine.

Randy Weston

Randy Weston

È davvero imperdibile il concerto del quintetto del pianista e compositore Randy Weston alla Casa del jazz domani sera nell’ambito del Roma Jazz Festival. Un artista - a dispetto dei suoi novantadue anni, ancora attivissimo e brillante nel proporre il suo jazz che sintetizza Africa ed Afroamerica in modo sublime ed unico. Siamo in presenza di un «maestro» che non ha rivali coetanei (e non solo), se si fa l’eccezione di Barry Harris che, però, privilegia la didattica. Weston, dopo Roma, sarà al jazz festival di Nizza (21 luglio) e in maggio ha ricevuto a New York il Founders Award...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.