closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

L’imbroglio della non-trasparenza sul «Memorandum Italia-Libia»

Il velo del segreto . Da tempo fonti autorevoli sostengono la connessione tra la fornitura di assistenza tecnica e finanziaria alle autorità libiche da parte di quelle italiane e le gravi violazioni dei diritti umani che avvengono in Libia. Ma l’opacità assoluta che avvolge l’Intesa tra Roma e Tripoli non permette di fare chiarezza

Fayez al-Sarraj e Paolo Gentiloni

Fayez al-Sarraj e Paolo Gentiloni

Il prossimo 2 novembre - tre mesi prima della scadenza - si rinnoverà tacitamente per altri tre anni il Memorandum d’Intesa tra Italia e Libia, voluto dall’allora ministro dell’Interno, Marco Minniti. Il Memorandum è tornato alla ribalta delle cronache già qualche settimana fa, a seguito dell’inchiesta con cui Nello Scavo, giornalista di Avvenire, ha dimostrato la presenza di Abd al-Rahman al-Milad, noto come Bija - «un signore della guerra tra i principali boss del traffico di esseri umani» - in un incontro al Cara di Mineo, nel 2017, tra autorità italiane e libiche. Scavo è oggi sotto tutela per le...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.