closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

«L’illegale diventa normale», il racconto del boss ‘o Ninno

L'udienza. Parla il «ragioniere»: «Sindaci e imprenditori, tutti sapevano, tutti facevano orecchie da mercante»

Antonio Iovine al momento dell'arresto

Antonio Iovine al momento dell'arresto

Si agitano le mani di Antonio Iovine, cinquant’anni, camorrista e da meno di un mese collaboratore di giustizia. Sullo schermo della videoconferenza, nell’aula del tribunale di Santa Maria Capua a Vetere, appare appena il capo coperto da un cappello. Il corpo accompagna il racconto, mentre si può solo immaginare il suo viso da ragazzo cresciuto, oggi nascosto, invisibile. ‘O ninno, lo chiamavano, il bambino. Un po’ per i suoi tratti. O forse perché il suo battesimo di fuoco lo ha ricevuto appena ventenne, durante una delle più famose guerre di mafia del napoletano. Era il 1984, quando i casalesi iniziavano...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.