closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Libia, rapiti 16 operai. E Bengasi è una città fantasma

Libia. Ad aggravare il muro contro muro tra militari e islamisti, ieri il generale Khalifa Haftar, epigono del presidente egiziano al-Sisi, ha prestato giuramento sulla nave-parlamento di Tobruk in Cirenaica

"Ribelli" libici

Non si placa il dramma dei sequestri in Libia. 16 operai, 9 europei, cittadini austriaci e cechi, insieme a 7 africani e filippini sono stati rapiti dopo un attacco al campo petrolifero di al-Ghani, 700 chilometri a Sud-est di Tripoli. Secondo l’esercito pro-Haftar, 8 guardie sarebbero state decapitate nell’attacco. Il militare ha riferito anche di un lavoratore morto di infarto per aver assistito alle brutali decapitazioni. La fonte, ripresa dai media locali, ha assicurato che i lavoratori sequestrati non sono rimasti feriti nell’assalto. Gli operai stranieri sono sempre stati nel mirino dei contrabbandieri libici negli ultimi anni. Non solo, i...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.