closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rubriche

Libertà, identità, filosofia

In una parola. La risposta del moralismo istituzionale che accompagna un obbligo di fatto mi sembra la peggiore possibile. Spinge a identificarsi nelle due opposte fazioni come partiti unici e indiscutibili proprio perché basati su imperativi morali

Troppe domande, paure, rabbia per come vanno le cose si accumulano nel cervello e nel cuore, per cui isolare una parola, ragionare per riempire con un minimo di decenza questo spazio, alla ricerca di uno scambio con chi per avventura leggesse, diventa difficile. Comincio dal fastidio per come nella ossessiva discussione su vaccini e green pass, più o meno «super», si invoca da sponde opposte la parola libertà. Inneggia alla libertà la minoranza etichettata «no vax» per sottrarsi all’obbligo della tessera verde (anche sul dilagare delle variazioni edificanti sulla parola verde ci sarebbe da interrogarsi) e del vaccino. Ma anche...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.