closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Libertà e responsabilità della letteratura

CHARLIE EBDO. «I nostri figli hanno ucciso i nostri fratelli». Una lettera a Le Monde di alcuni insegnanti e quella critica di Simone Weil agli scrittori francesi di aver abdicato alla responsabilità

«La vergogna, ecco il sentimento che salva l’uomo». È il protagonista del film Solaris di Tarkovskij a pronunciare queste parole nel momento culminante della sua presa di coscienza della condizione umana. Mi sono tornate in mente leggendo su Le Monde la lettera con la quale quattro insegnanti della banlieue parigina hanno sentito il dovere di assumersi, per la parte che compete loro, la responsabilità di crimini perpetrati da assassini cresciuti nella lingua francese, nelle scuole francesi e che tuttavia non sono stati messi in grado di comprendere e coltivare i valori repubblicani, perché lasciati ai margini di una società tanto...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.