closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

«Libano impoverito e senza risorse per battersi: ha vinto la controrivoluzione»

Medio Oriente. Intervista al giornalista Nizar Hassan, oggi a Salerno alla rassegna Mediterraneo Contemporaneo: «C’è fame, ma spesso è invisibile: ci si vergogna della povertà, invece di «usarla» per accendere conflitti sociali. E così l’unico conflitto resta quello settario delle fazioni politiche»

Protesta di fronte a una banca chiusa a Beirut

Protesta di fronte a una banca chiusa a Beirut

«Se si chiede a una qualsiasi famiglia libanese “cosa avete mangiato oggi?”, la maggior parte risponderà “frutta e verdura”. Sono i prodotti che costano di meno. Si sopravvive ma con difficoltà». Il buco nero in cui il Libano pare essere caduto non ha fine apparente. Aumentano fame e povertà e in parallelo cresce il numero di chi rinnova il passaporto per fuggire all’estero. In mezzo sta la controrivoluzione: la sconfitta del movimento popolare di protesta da parte della classe dirigente, capace di non farsi abbattere dalla rivolta. Ne abbiamo parlato con il giornalista Nizar Hassan, leader del movimento Li Haqqi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.