closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

L’ex assessore capitolino Caudo: «Su Roma 2024 fu rottura tra Marino e Renzi-Malagò»

Intervista. «Basta chiamarlo "progetto di Marino". Il dossier che sostiene la candidatura di Roma 2024 è stato voluto da Giovanni Malagò e Luca di Montezemolo. In netta contrapposizione con la giunta di Ignazio Marino, tanto che su quel piano si produsse la rottura tra noi e il Coni. Con Matteo Renzi che si schierò subito dalla loro parte»

Da sinistra: Giovanni Malagò, Matteo Renzi e Ignazio Marino

Da sinistra: Giovanni Malagò, Matteo Renzi e Ignazio Marino

«Basta chiamarlo "progetto di Marino". Il dossier che sostiene la candidatura di Roma 2024 è stato voluto da Giovanni Malagò e Luca di Montezemolo. In netta contrapposizione con la giunta di Ignazio Marino, tanto che su quel piano si produsse la rottura tra noi e il Coni. Con Matteo Renzi che si schierò subito dalla loro parte». Giovanni Caudo, che fu assessore all’Urbanistica durante la precedente amministrazione comunale, prima del periodo commissariale del prefetto Tronca, polemizza con chi attribuisce al precedente sindaco di Roma la paternità del progetto inviato al Cio. Tra costoro ci sarebbe, sostiene Caudo, anche l’attuale assessore...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi