closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Levi, una scrittura omeostatica

Esiste in natura una virtù, l’omeòstasi, che permette di «conservarsi uguali a se stessi contro il brutto potere della degradazione e della morte»; a una simile capacità, «propria della materia vivente», Primo Levi dedicò lo scritto da cui sono tratte le frasi citate e che deve il suo titolo – Il brutto potere, appunto – al Leopardi di A se stesso. Com’è frequente in Levi, la qualità fisica corrisponde a un connotato morale: così l’omeòstasi, da caratteristica della materia vivente, diventa anche figura della resistenza al male, della virtù di conservarsi intatti nella corruzione. Di qualità omeostatiche è dotata anche...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi