closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

L’Europeo dei vecchi e dei nuovi

Euro 2020. Le grandi stavolta ci sono tutte, ma hanno trovato posto anche le debuttanti, tra le quali spicca la Macedonia del Nord

Goran Pandev, capitano della nazionale macedone

Goran Pandev, capitano della nazionale macedone

L’antropologo Desmond Morris definì il mondo del pallone «La tribù del calcio», titolo che dette a un suo saggio, descrivendo riti tribali in campo e sugli spalti, spazzati via dal Covid. Che Europei saranno, quelli iniziati ieri? Vincerà una delle nazionali dei paesi che dettano la linea dell’austerità nell’economia del Vecchio Continente o ci sarà la sorpresa che spariglia in campo e fuori? Accadde con la Danimarca, ripescata a causa della guerra nell’ex Jugoslavia all’inizio degli anni ‘90 e nel 2004 con la Grecia. La Germania dell’allenatore Low, che vinse i mondiali in Brasile, sembra alla fine di un ciclo,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi