closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

L’Europa punta al controllo delle esportazioni

La controffensiva dopo i ritardi AstraZeneca. La Commissione intende mettere in atto un meccanismo di trasparenza sull’export di vaccini al di fuori della Ue per le case farmaceutiche che non rispettano i contratti. Gran Bretagna sul piede di guerra, anche se aveva già limitato l’uscita dei farmaci anti-Covid. Ispezione Ue all’impianto belga dell’azienda anglo-svedese. Bruxelles pronta a ricorrere alle vie legali

Il primo ministro britannico Boris Johnson trasporta un lotto di vaccini AstraZeneca

Il primo ministro britannico Boris Johnson trasporta un lotto di vaccini AstraZeneca

La guerra dei vaccini esplode a causa della penuria, la mancanza di trasparenza sui contratti con Big Pharma non fa che alimentarla, mentre nessuno parla di sopprimere i brevetti per permettere a tutti di lottare contro la pandemia. In Europa, le tensioni continuano tra Ue e Gran Bretagna a proposito di AstraZeneca, che oggi dovrebbe ricevere l’autorizzazione per il suo Covid shield. Mentre gli altri paesi - a cominciare dagli extra Ue più vicini - si rivolgono a Cina o Russia, che giocano in questa battaglia la carta geopolitica. La Serbia ha così deciso di fornirsi del Sinopharm di Pechino...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi