closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lettere

Siamo in cura, non in guerra

Amiche e amici carissimi,

Mentre scrivo queste considerazioni, e volevo far riferimento anche a tutto il mondo degli armamenti e degli affari, ben documentato dalla trasmissione PresaDiretta di Lunedì 22 marzo u.s. “La dittatura delle armi”, mi prende un moto di indignazione, guardando TV e giornali.

Sì, sono indignato! Non posso accettare, a proposito di questa pandemia, questo linguaggio bellico a cui assistiamo, questa cultura e queste scelte sempre più ispirate alla guerra.

Siamo in cura, non in guerra!

Titoli di giornali. Il capo della Protezione civile Fabrizio Cucio che afferma: “Noi siamo in guerra. Servono norme da guerra.” Il Generale Figliuolo che dice: “quando i vaccini arriveranno di massa, si potrà fare ‘fuoco con tutte le polveri’.”

No, io non ci sto, e con me credo tutta Pax Christi, e non solo!

Anche p. Antonio Spadaro, direttore di Civiltà Cattolica, che stimo e ringrazio, scriveva lo scorso 23 marzo 2020: “In questo tempo di #coronavirus abbiamo ascoltato una certa retorica della #guerra, come se fosse necessario un approccio militaristico. NON SIAMO IN GUERRA, bisogna rifiutare queste retoriche che sono funzionali a disegni politici pericolosi e inconfessabili: bisogna resistere.”

Io non ho vissuto la guerra, ma solo il periodo del dopo-guerra. Non credo che chi continua ad evocare questa tragica parola l’abbia mai vissuta. Credo proprio di no! E quindi chiedo che siano usate parole appropriate nel rispetto di chi ha bisogno di cure, nel rispetto di chi davvero ha vissuto la tragedia della guerra e nel rispetto anche della Costituzione Italiana che ‘ripudia la guerra’. La mia esperienza di Vescovo e di Governatore dell’Ospedale “F. Miulli”, in Acquaviva delle Fonti, mi fa continuamente incontrare con la sofferenza e con l’impegno, al limite delle forze fisiche e mentali, di tantissime persone chiamate non a “mobilitarsi” per una guerra ma solo e semplicemente a “prendersi cura” delle persone ammalate.

Stiamo devastando la Terra. Dobbiamo curare il Creato, tutto. Non dichiarare guerra. Siamo custodi, né padroni e né guerrieri!

La luce del Cristo Risorto accompagni la Chiesa, e questa da Lui umanità amata fino a morire, nel difficile passaggio di questo giorni verso la speranza, la fraternità e la pace!

E’ il mio augurio di Pasqua che accompagno con un grande abbraccio!

Giovanni Ricchiuti, Presidente di Pax Christi Italia

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.