closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lettere

Libia, richiedenti asilo: l’Italia non è complice è pienamente colpevole

Anche quest’anno il governo italiano si appresta a rifinanziare la cosiddetta Guardia costiera libica per fermare migranti e rifugiati. Sono ben 5 le voci, delle varie missioni militari all’estero che porteranno a sostenere le pratiche di respingimento, detenzione, violenza e torture messe in atto da governo e milizie libiche in pieno accordo con l’Unione Europea che non vuole vedere quanto avviene nel Mediterraneo. Rifondazione Comunista sarà domani mercoledì 14 luglio davanti a Montecitorio e a tante prefetture italiane, con una benda davanti agli occhi per non vedere il crimine che si commetterà in aula votando favorevolmente a queste missioni. Governo e parlamento si assumono la responsabilità di violare, in questo modo, le basi della Costituzione democratica e antifascista. Che in quell’aula dove si applica unicamente e commettendo anche plateali scelte sbagliate, la ragion di Stato, risuonino le voci delle donne, dei minori e degli uomini, torturati, violati e uccisi nei campi di concentramento libici che Italia e UE continuano a sostenere economicamente e politicamente.

Maurizio Acerbo, Segretario nazionale

Stefano Galieni, Responsabile immigrazione Partito della Rifondazione Comunista-Sinistra Europea

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.